Utilizzo in enologia

MANTENERE LA QUALITÀ DEL VINO

Il vino, come altri prodotti alimentari, a contatto con l’aria si ossida.
Una debole ossidazione, per un periodo di tempo limitato, è necessaria per il suo normale invecchiamento, soprattutto per quanto riguarda il vino rosso, mentre il contatto con l’aria per i vini bianchi esercita un’azione dannosa con conseguente peggioramento delle caratteristiche organolettiche.

La progressiva solubilizzazione dell’Ossigeno nel vino, che può arrivare alla sua completa saturazione, è dovuta a diverse lavorazioni, quali i travasi, le filtrazioni, le aggiunte di prodotti enologici particolarmente ricchi di O2 (carbone decolorante), la bassa temperatura del vino.

Dato che le qualità chimiche ed organolettiche di alcuni vini sono cambiate a seguito di alcune trasformazioni avvenute, sia nell’ambito del sistema di distribuzione (che implica lunghi tempi di sosta del prodotto finito sul mercato) sia nell’ambito del consumatore che preferisce vini freschi e giovani, per limitare gli effetti nocivi dell’Ossigeno, si preferisce sostituire l’impiego degli additivi chimici con i gas inerti Anidride Carbonica o Azoto.
Il miglior effetto di asportazione dell’Ossigeno è esplicato dall’Azoto.

«Il potere lavante di questo gas è di circa tre volte superiore rispetto a quello dell’Anidride Carbonica, grazie alla sua caratteristica di forte insolubilità»

la disaereazione del vino per lavaggio con gas inerte influisce in maniera determinante su parametri quali l’ossigeno disciolto, l’SO2 libera e totale il potenziale di ossido-riduzione e colore mentre ha effetto trascurabile non significativo sul valore ph tenore sostanze riducenti sintesi che presenta le migliori caratteristiche stabilità è quello ottenuto disaereazione con Azoto (0,5 litri di gas per litro di vino), seguito dal vino trattato con miscela al 50% di Azoto e Anidride Carbonica (1 V/V) e da quello lavato con anidride carbonica (1,5 V/V).
I vini imbottigliati senza prelavaggio presentano, dopo circa tre mesi, i naturali fenomeni ossidativi che ne pregiudicano le qualità.

Talvolta il livello del liquido nelle botti può diminuire. Per evitare che il vino venga troppo a contatto con l’Ossigeno e si determinino delle malattie si ripristina il livello originario (tecnica del tappo colmatore che segnala il livello e lo ripristina automaticamente).

Il volume del vino può ridursi per tre fattori:

  • evaporazione a causa del caldo
  • contrazione a causa del freddo
  • assorbimento da parte delle pareti delle botti

In alcuni casi si compensa il calo di volume con gas inerti (Azoto e Anidride Carbonica).

Per quanto riguarda l’imbottigliamento, la preevacuazione e compensazione con Azoto della bottiglia vuota, accoppiata con un soffio di Azoto in camera d’aria della bottiglia già riempita, immediatamente prima della tappatura, consentono una conservazione perfetta.

Contattaci per maggiori informazioni o una consulenza personalizzata